www.unict.it
giovedì 18 ottobre 2018
 
 
News

Avviso studenti I anno

06 giugno 2018
 
Premio "Virdimura" 2018
Si avvisano gli studenti del I anno - canali A, B, C, D che lunedì 11 giugno p.v. dalle ore 11 alle ore 13,30, presso l'Aula Magna del Rettorato - Piazza Università, si terrà la consegna del Premio internazionale "Virdimura".

La partecipazione a tale attività, integrativa al corso di Scienze Umane, sarà valutata con l'attribuzione di 0,5 CFU ADE.

Il Premio verrà conferito  quest’anno a Sua Eccellenza, il Presidente della Repubblica di Malta, Marie Louise Coleiro Preca alla presenza di Autorità Istituzionali e Rappresentanze Consolari Internazionali. Saranno inoltre presenti e partecipi il Prof. Francesco Basile, Magnifico Rettore dell’Università di Catania, il Prof. Adelfio Cardinale – Presidente Società Italiana di Storia della Medicina, la Prof.ssa Cristina Tornali – Direttore Centro Siciliano Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria, l’Avv. Silvio Aliffi – Supremo Gran Cancelliere Ordine Internazionale Knights of Pythias.

Il premio rappresenta un omaggio alla donna che si afferma nella società e uno sprone a promuovere la cultura della lotta ai razzismi e all'antisemitismo. Queste le idee alla base del progetto e premio internazionale "Virdimura", organizzato dalla Società italiana Storia della Medicina e dall'Associazione italiana Ain Onlus.


VIRDIMURA - Il riconoscimento si ispira alla dottoressa Virdimura giudea, primo medico donna nel 1376: ebrea siciliana, operò principalmente nel capoluogo etneo,ma venne autorizzata all'esercizio della professione in tutte le città e terre di Sicilia dopo le costituzioni di Federico II che ammettevano le donne alla frequenza nelle scuole mediche. L'esame di abilitazione sanciva per decreto che la "dutturissa" poteva esercitare la medicina, in quanto era comprovato che l'aveva praticato "cum sanitati di li pacienti". Virdimura esercitò l'arte medica a favore di poveri, deboli e indifesi. La sua vicenda umana e professionale ricorda le difficoltà della donna - anche oggi e in specie nell'antichità - di potere affermare diritti e capacità.


OSSERVATORIO - Le finalità del premio sono: promozione della cultura della lotta ai razzismi e all'antisemitismo, per promuovere nella società civile, nelle scuole, nelle Università e nelle Istruzioni, progetti di pace e di collaborazione, in nome della ricerca e della tradizione storica della Medicina; promozione della cultura del rispetto del disabile, del rispetto della dignità della donna, in ambito familiare, sociale, istituzionale,scolastico, universitario, e per la lotta a femminicidi e stalking. "Il premio - spiegano gli organizzatori - rappresenta il primo passo per la costituzione di un 'Osservatorio', al fine di promuovere un 'Progetto di Pace' fra popoli, religioni e culture diverse, che sancisca una mission culturale di tolleranza, di tradizione scientifica ed umanistica, necessarie per contribuire, attraverso il recupero della memoria storica, ad una migliore formazione di medici ed altri laureati, sempre più preparati alla cultura della solidarietà e del rispetto dei disabili, dei deboli e degli anziani, e della dignità della donna, in ogni ambito, privato, istituzionale e sociale, e alla cultura della promozione della lotta a ogni forma razzismo etico, civile e politico". 


Links correlati